Tu sei qui: Home La Casa Editrice
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

APERTUSLIBER.COM

JA slide show
 

Casa Editrice

E-mail Stampa PDF

Questa casa editrice è sorta prefiggendosi un nobile scopo: l’unione della scienza con la religione.
Fulcanelli scriveva che l’uomo, «se gli è possibile sondare la materia grave, in cambio cosa sa di se stesso, cioè della sua origine, della sua essenza e del suo destino?».
Infatti, nonostante l’uomo abbia raggiunto conoscenze sbalorditive, queste cose sono ancora confinate nel mondo delle credenze, e nelle speculazioni dei filosofi e maestri spirituali che dir si voglia.
Le credenze del mondo materiale sono ormai superate e con esse le elucubrazioni inconcludenti.
Un tempo si credeva che tutti i corpi celesti girassero intorno alla Terra, fino al 1543, quando Niccolò Copernico pubblicò il De Revolutionibus Orbium Coelestium, e spodestava per sempre la Terra dalla sua posizione privilegiata al centro dell’Universo. Poi venne Isaac Newton che pubblicò, nel 1687, la sua legge della gravitazione universale (Philosophiae Naturalis Mathematica). Il mondo colto rimase talmente impressionato da questa scoperta che Newton fu quasi idolatrato già durante la sua vita.
C’era anche la questione dell’età della Terra, giacché il mondo occidentale accettava la versione biblica, e riteneva che l’età dell’Universo fosse al massimo di seimila o settemila anni. Nel 1795, il naturalista scozzese James Hutton provò a forzare tale convinzione con il libro Teoria della Terra, ma con scarsa efficacia. Dopo di lui, il geologo inglese Charles Lyell pubblicò, nel 1830, un’opera in tre volumi dal titolo Principi di Geologia, e presentò le prove delle idee di Hutton con tale chiarezza da vincere le resistenze del mondo della scienza.
Restava ancora la credenza basata sulla Bibbia che le specie erano apparse nel loro aspetto attuale sin dal principio a causa della Creazione, fino a quando il naturalista inglese Charles Robert Darwin pubblicò, nel 1859, l’Origine delle Specie, rivelando il fenomeno dell’evoluzione.
In questo inizio di terzo Millennio nel mondo scientifico si auspica che si possa avere un’alleanza della scienza con la fede. Nelle antiche civiltà la scienza e la religione erano unite insieme, il sacerdote era pure lo scienziato che, per dirla con Fulcanelli, deteneva «la chiave d’una duplice scienza: la scienza sacra e la scienza profana».
I libri che in questa casa editrice vedranno la luce ci permetteranno di scoprire che da una semplice favola a un poema epico, da un semplice gioco tradizionale a un rituale religioso, da un dolce tradizionale ad un’usanza popolare (nuziale, natalizia, pasquale, ecc.), è possibile estrarne il vecchio e profondo insegnamento racchiuso da millenni. Questo insegnamento avrà la prerogativa di riconciliare la scienza con la fede, o di ristabilire l’antica unione della scienza con la religione.